Germania: studio sull’economia dello streaming musicale

Germania: studio sull’economia dello streaming musicale

GEMA – società di gestione collettiva – ha commissionato alla società di consulenza Goldmedia uno studio sullo streaming musicale in Germania. 

È emerso che il 45% della popolazione tedesca utilizza servizi di streaming musicale, di cui circa due terzi con abbonamenti a pagamento; Spotify è utilizzato dal 28% della popolazione tedesca (over 14), davanti ad Amazon Music (14%), Apple Music e SoundCloud (entrambi 6%); il servizio gratuito di YouTube li supera con il 58%. In Germania a fine 2022 si prevede un mercato dello streaming da 2 miliardi di euro. Sui 4.278 membri di GEMA è emerso che l’89% considera la propria remunerazione dallo streaming “inadeguata”. Il valore medio di 1.000 streaming musicali in Germania che aveva raggiunto un picco di 10,58 euro nel 2016, è oggi sceso a 8,12 euro. 

Il prezzo di abbonamento di Spotify è rimasto invariato, mentre quello di Premium di Netflix è passato da 11,99 euro al mese nel 2015 a 17,99 euro nel 2022 e quello di Standard da 9,99 euro a 12,99 euro. La metà dei membri del GEMA è fortemente d’accordo sul fatto che i servizi di streaming trattengano una quota troppo elevata dei ricavi rispetto ai titolari dei diritti. Si richiede infine una maggiore trasparenza dagli OTT. 

No Comments

Post A Comment

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.